Contro ansia e stress… Il giardinaggio

image

Amo le piante e i fiori, seppur viva in una citta’ ho un bisogno irresistibile di “verde”. Ad averne la possibilità avrei scelto case con quantomeno un terrazzo dignitoso ma ho dovuto accontentarmi di balconi e balconate, ora come ora non posso lamentarmi, di fronte alla porta ho spazio sufficiente persino per fare grigliate.

Ho sempre trovato l’occuparmi delle piante un antistress naturale, d’inverno raccolgo i semi e a gennaio inizio a piantarli (gatti permettendo). Con l’inizio della primavera mi armo di vasi, terra e quant’altro necessario e passo ai travasi, potature, coltivazioni delle erbe aromatiche (che raccolgo e surgelo o faccio essiccare), potrei passare ore ad occuparmi del mio piccolo giardino e si’, a rischio di sembrare pazza (per chi non lo pensa già) con le mie piante io ci parlo, mi sfogo e spesso gli do anche un nome, la cosa forse più inquietante e’ che sono convinta che mi ascoltino, una cosa è certa, per qualche ragione che mi sfugge pare apprezzino e io apprezzo la calma che riescono a donarmi.

C’e chi sostiene che è questione di pollice verde io credo sia semplicemente una forma di amore, non importa di chi o cosa ti prendi cura, qualsiasi essere vivente lo avverte e a modo suo dimostra di esserne grato. Forse l’unico e’ l’uomo che spesso losa per scontato… Che qualsiasi seme io pianti cresca beh, non penso sia una questione di terriccio o condizione climatica, ho salvato piante date per morte a discapito di qualsiasi pessimistica previsione.

In ogni caso, che abbiate un balcone, un enorme giardino o anche solo un davanzale datemi retta, meglio coltivare valeriana viva che imbottirsi di pastiglie, viviamo in un mondo di cemento, il contatto con la terra e la natura non può che fare un effetto calmante perché ci allontana dalle fonti di stress.

image image image image image image

 

 

Contro ansia e stress… Il giardinaggioultima modifica: 2016-06-04T21:26:16+00:00da eclissi72
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento